Il consumo delle bevande alcoliche è associato in molte culture a momenti di gioia e celebrazione. Pensiamo che le bevande alcoliche, se consumate in modo responsabile, possano accompagnare momenti di svago e particolari occasioni della vita, contribuendo a renderli speciali.

In Diageo crediamo nella promozione del bere responsabile. L’impegno per la diffusione di una cultura del divertimento consapevole e del corretto approccio al consumo di bevande alcoliche si concretizza in tutte le attività a diversi livelli.
Collaboriamo inoltre con la comunità in cui Diageo opera per sensibilizzare nei confronti del bere responsabile e per questo investiamo costantemente in iniziative volte a costruire relazioni per trasmettere l’importanza del bere pienamente consapevole.

DIVERTITI RESPONSABILMENTE

L'Automobile Club d'Italia e Diageo Italia hanno dato il via nel 2010 all'iniziativa "Divertiti Responsabilmente", una campagna nazionale per la promozione e la sensibilizzazione sui temi dell'alcol e della guida sicura che ha coinvolto, tra Automobile Club provinciali e loro delegazioni, 180 sedi dell'ACI e 13 province dove si trovano le località del divertimento giovanile. L'iniziativa si è svolta con il patrocinio del Ministro della Gioventù e di numerose altre istituzioni su tutto il territorio nazionale.

Divertiti Responsabilmente ha raggiunto nel 2010 più di 4.000 giovani nei pub e nelle discoteche delle più famose località di divertimento della penisola, con il coinvolgimento di 180 sedi ACI in 8 regioni e 13 province.
Nel corso della campagna sono stati individuati 1.050 i guidatori designati che per una sera hanno deciso di non bere bevande alcoliche per riportare a casa gli amici con la propria auto.

L'efficacia della campagna di sensibilizzazione è stata misurata con un ricerca condotta da GFK Eurisko su un campione di ragazzi tra i 18 e i 34 anni che hanno partecipato
all'iniziativa. Dall'indagine è emerso che il 37% di giovani ha introdotto regolarmente la pratica del guidatore designato tra le proprie abitudini. Dopo aver partecipato a una
tappa del tour, il 93% degli intervistati riconosce che tale soluzione sia la più efficace per evitare i rischi derivanti dalla guida in stato di ebbrezza. Il 91% dei ragazzi chiede inoltre nuovi sforzi di sensibilizzazione da parte delle istituzioni e l'82% auspica maggiori controlli sulle strade.

ACI e Diageo sono stati tra i primi promotori di iniziative nazionali per la sensibilizzazione dei consumatori sul tema dell'alcol e della sicurezza stradale. L'iniziativa "Divertiti Responsabilmente" è l'evoluzione delle precedenti quattro edizioni, dal nome "Mi chiamo Guido e stasera non bevo" (2006), "Guida il tuo team" (2007 e 2008) e "Stasera guido io" (2009).

Leggi tutto

Chiudi

STASERA GUIDO IO

Stasera guido io In collaborazione con l’ACI (Automobile Club d’Italia) e Ania (Fondazione per la Sicurezza Stradale), nel 2009 Diageo ha lanciato “Stasera guido io”, un progetto di educazione e sensibilizzazione focalizzato sul bere responsabile e sulla guida sicura, volto in particolare a promuovere l’importanza del Designated Driver, colui che decide di non bere una sera per poter accompagnare a casa gli amici in totale sicurezza.
“Stasera Guido Io” rappresenta l’evoluzione di “Guida il tuo Team”, realizzato in collaborazione con l’Aci nel 2008.

Nel 2009, “Stasera Guido Io” ha toccato 6 Regioni e 9 Province d’Italia: Lazio (Roma), Piemonte (Torino), Lombardia ( Milano), Friuli Venezia Giulia (Trieste e Lido di Jesolo) Emilia Romagna (Riccione, Cattolica e Marina di Ravenna) Puglia (Bari e Lecce).

L’iniziativa, che si è articolata in un’attività di sensibilizzazione promossa direttamente nei locali a opera di personale appositamente formato, ha raggiunto nel 2009 decine di migliaia di ragazzi, che si sono messi alla prova con il simulatore di guida sicura e hanno partecipato al concorso. Oltre 2.435 ragazzi, inoltre, hanno partecipato all’attivazione, effettuando più di 1.400 alcol test e identificando 1.051 “Guidatori Designati”.

L’intero progetto “Stasera Guido io” è stato valutato attraverso una ricerca che ne ha misurato l’efficacia nel motivare gli atteggiamenti e i comportamenti dei giovani coinvolti, intervistando un campione di ragazzi che hanno partecipato all’iniziativa.  E’ emerso che la percentuale di giovani che ha ormai introdotto regolarmente tra le proprie abitudini la pratica del Designated Driver è passata dal 38% nel 2007 al 56% nel 2009. Inoltre ben il 99% (15% in più rispetto al 2008) degli intervistati riconosce ormai che l’individuazione di un guidatore designato all’interno del proprio gruppo di amici sia la soluzione migliore per ridurre i rischi legati alla guida in stato di ebbrezza.
www.staseraguidoio.it

Leggi tutto

Chiudi

PROMUOVERE LA CULTURA DEL BERE RESPONSABILE

Bevi Responsabilmente A supporto del Ministero della Salute, nel 2009 Diageo ha realizzato e distribuito in 2.300 locali italiani un kit contenente delle tabelle che permettono di calcolare in modo immediato il proprio tasso alcolemico indicativo e forniscono una descrizione dei principali effetti e sensazioni generati dal consumo di alcol. A fronte dell’ottimo riscontro ottenuto dall’iniziativa, all’inizio del 2010 è partita una seconda campagna di distribuzione che toccherà 900 tra i migliori locali italiani.

A tutta la forza di vendita Diageo, inoltre, abbiamo offerto un training finalizzato alla sensibilizzazione sulle politiche adottate dall’azienda in ambito Bere responsabile, con particolare attenzione al concetto di Bevi o guida.

Con queste iniziative crediamo di poter offrire un importante servizio al canale distributivo, fornendo inoltre un utile strumento di comunicazione e di sensibilizzazione nei confronti dei consumatori.

Leggi tutto

Chiudi

COMUNICAZIONE RESPONSABILE

Comuniazione Diageo Diageo utilizza la pubblicità e le altre tecniche di marketing per informare i consumatori, imponendosi standard di autoregolamentazione più restrittivi della legislazione italiana in materia. Per esempio il Codice Marketing Diageo impone di non rivolgersi a persone al di sotto dei 18 anni - sebbene in Italia l’età legale per l’acquisto di alcolici sia 16 anni - oltre a vietare qualsiasi incoraggiamento all’uso eccessivo o irresponsabile di tali bevande.

Il codice di autoregolamentazione per la comunicazione delle brand Diageo prevede tra le altre misure di:

  • Non mostrare persone nell’atto di bere al di sotto dei 25 anni
  • Non incoraggiare un uso eccessivo o irresponsabile dell’alcol
  • Non presentare mai l’astinenza dal bere sotto una luce negativa
  • Non enfatizzare la gradazione alcolica delle bevande
  • Non suggerire mai effetti terapeutici dell’alcol
  • Non suggerire mai che il bere favorisca il successo sociale
  • Non rappresentare mai il consumo di alcol in situazioni potenzialmente   pericolose, per esempio durante la guida
  • Non promuovere giochi legati alla frequenza o alla quantità del bere

Su tutto il materiale promozionale e pubblicitario, Diageo veicola inoltre il messaggio “Bevi responsabilmente”.

Leggi tutto

Chiudi